mimmo-lucano

Esiste una insana follia che da sempre caratterizza la nostra Terra. Siamo infatti tutti in grado di riconoscere la malavita armata sino ai denti quando tenta di arrestare l’attività di un rappresentante della legalità con la forza.  D’altra parte è facile distinguere il tritolo o qualche colpo di arma da fuoco dall’esercizio democratico del dissenso. E’ molto più difficile invece, in un sistema che vive di clamore mediatico, riconoscere evidenti mistificazioni della realtà che hanno nella macchina della diffamazione e nella volontà di discreditare i buoni ed i giusti, l’arma più potente.  La storia parla di esempi illustri con il giudice Falcone, il colonnello Della Chiesa ed Enzo Tortora. Persone che hanno avuto grandi attacchi mediatici volti a screditare la rettitudine del loro operato.  In questi giorni il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, ha paventato l’idea di dimettersi alla luce di una serie di intercettazioni che diffuse via web, tendono ad offuscare l’operato di uno dei più brillanti rappresentanti della comunità calabrese. Parliamo di un uomo il cui modello di accoglienza è oggi studiato nel Mondo come esempio di integrazione e di valore sociale.

Una ferma presa di posizione a sostegno di Mimmo Lucano arriva da Franco Falbo, responsabile del Circolo di Unione Mediterranea del Comune di Botricello , che senza mezzi termini dichiara la propria solidarietà al Sindaco di Riace. Il Circolo di UM di Botricello ha pubblicato un appello dove << gli uomini e le donne della Calabria democratica, accogliente, solidale esprimono la loro solidarietà al sindaco di Riace Domenico Lucano pregandolo di desistere dal proposito di rassegnare le dimissioni dalla carica che ricopre con onesta, competenza, dedizione ed entusiasmo che ne fanno un punto di riferimento di tutti coloro i quali sono impegnati nella difficile lotta contro le prepotenze, le ingiustizie, il degrado, l’abbandono di una terra bellissima, ma sfortunata. Il suo lavoro, i suoi successi, la trasparenza degli atti pubblici, il modello di accoglienza che è riuscito a realizzare e che è apprezzato e lodato in tutto il mondo non possono essere vanificati e dissipati dal livore e dagli squallidi attacchi di qualche anonimo intenzionato a gettare fango su uno dei migliori amministratori di questo Paese. La Calabria orgogliosa del sindaco Lucano gli rinnova la sua fiducia e la sua stima e gli chiede accoratamente di rimanere al suo posto perché tutti noi abbiamo il disperato bisogno di uomini come lui>>

Ecco dunque che una parte di quella Calabria a cui non è passata inosservato il valore dell’operato di Mimmo Lucano, prende immediatamente le difese del primo cittadino di Riace. Ed è forse questa la grande notizia: non più comunicati o iniziative che arrivano da realtà partitiche pronte ad ipotecare tutto per un voto aggiuntivo, ma la gente perbene della Calabria, i suoi rappresentati sul territorio, quelli scelti dai cittadini che dicono no alla macchina del fango ed alla demolizione di ciò che ha un valore così apertamente positivo da essere sotto gli occhi di tutti.

Secondo Franco Falbo << il modello Riace è in chiara controtendenza con quello proposto da chi ha interesse ad utilizzare il fenomeno dell’immigrazione come grimaldello politico per acquisire consensi da chi non ha idee chiare in merito. Si fa leva sulla paura del diverso, di ciò che non si conosce per rafforzare la propria posizione di predominio.  Mimmo Lucano da fastidio alla politica perché è indipendente. E’ un pericolo per la malavita perché ha a cuore il benessere di tutto il territorio e non solo di famiglie che non hanno alcun interesse allo sviluppo della nostra economia, della cultura e della storia. Perdere Mimmo Lucano significa rinunciare ad una parte importante di quella Calabria indipendente da cui ripartire per un futuro concreto dei nostri figli>>

Commenti