Castrolibero (Cs) – La commissione Pari Opportunità del comune di Castrolibero (Cs), facendo seguito all’appello lanciato a mezzo stampa dall’associazione What Women Want a tutte le amministratrici locali per la difesa dei consultori familiari cosentini, importanti presidi della salute psicofisica delle donne, ha espresso in un comunicato stampa a firma della presidentessa, Alessandra Lappano, piena solidarietà e appoggio all’iniziativa.

Nella nota apparsa sui quotidiani online, WWW aveva denunciato il depotenziamento dei Consultori Familiari e la difficoltà nell’erogazione delle più importanti prestazioni di medicina ginecologica nel territorio di alcuni distretti dell’Asp di Cosenza. “Sosteniamo – ha affermato Alessandra Lappano in una nota – la battaglia intrapresa da WWW per la difesa del diritto alla salute delle donne. Ci rendiamo portavoce presso le istituzioni del nostro comune, attraverso la presidentessa del Consiglio Comunsale, con delega alle PO, Nicoletti Perrotti, affinché  la richiesta di un tavolo di confronto interistituzionale con la Regione Calabria per sollecitare nuove e più adeguate politiche di buona sanità sia al più presto accolta. Perché, come giustamente ha affermato WWW, questo possa essere un paese per le donne e per tutti.”

Commenti